Tag Archives: #ricerca

Quando valutare la ricerca diventa schizofrenico

L’università schizofrenica Il nostro sistema universitario è integrato nella vasta rete delle università importanti del mondo con le quali riusciamo spesso a confrontarci alla pari. E’ quindi normale che anche i nostri ricercatori e i nostri dipartimenti universitari siano soggetti, come negli altri paesi, a una costante valutazione dell’attività di ricerca. La valutazione è un po’ una “croce” che accomuna tutti i ricercatori, tant’è che modi e tempi e conseguenze delle procedure di valutazione sono spesso materia per “small talk” e confronti a meetings e workshop. Nessun universitario in nessun paese ama il proprio sistema di valutazione. In fondo è normale. Nessuno studente ama gli esami o i test, nessun lavoratore impazzisce per l’assessment di performance ecc. Non sorprende quindi che l’Agenzia nazionale per la valutazione della università e della ricerca (ANVUR) non sia mai stata molto amata. Eppure ci stavamo abituando, non senza problemi, alle complessità delle valutazioni

Read More

La verità, vi prego, sull’Università

In questi giorni le Università stanno raccogliendo le opinioni degli studenti sulle attività didattiche. A chi presenzia alle lezioni viene chiesto di rispondere a una serie di domande sulla qualità degli insegnamenti, sulla chiarezza espositiva del docente, sull’interesse verso la materia e sulle strutture a disposizione. È un rituale di valutazione che si ripete a ogni semestre. Prescindendo dal giudizio che si dà a un sistema di valutazione basato su una “istantanea” di un corpo studentesco che frequenta a piacere e che raramente studia durante il periodo di lezioni (si veda Il Sole 24 Ore del 27 dicembre 2016) si tratta di domande importanti. Importanti sono le conseguenze delle risposte, visto che sempre più spesso i risultati dei questionari sono utilizzati dalle “governance” degli atenei per assegnare risorse e/o riorganizzare corsi di studio e/o per le progressioni di carriera. Ma cosa sanno veramente gli studenti dei loro professori e

Read More