Fin dalla sua costituzione nel 1953 l’Istituto storico della Resistenza in Toscana si è caratterizzato come una proiezione del nucleo azionista della Resistenza fiorentina, attorno al quale si sono ritrovate anche le altre forze del Cln, in posizione peraltro nettamente subalterna. Storici e studiosi presenti alla Conferenza 14 Lucca Centro - 55100 Lucca. L'Archivio Storico Luce è uno dei più ricchi al mondo, e continua a incrementarsi. Altre conferenze: Il sito viene arricchito una o due volte al mese, se vi interessa essere avvertiti quando questo avviene iscrivetevi alla lista di posta elettronica. Eventi, commemorazioni, manifestazioni, spettacoli e varie iniziative inerenti la Resistenza in Toscana. Indirizzo postale: c.p. Infine è possibile scorrere buona parte dei contenuti del sito in base al comune. C.F. I professori Andrea Binazzi e Ivo Giusti dell’Ufficio Cultura della Provincia di Firenze hanno aderito al ramo esecutivo. Il 15 marzo 1964 Carlo Ludovico Ragghianti commemora Cesare Fasola. Percorsi di formazione e conoscenza contro la violenza di genere. Tutte le manifestazioni e gli indirizzi delle sedi ANPI potete trovarle sul sito nazionale dell'ANPI anpi.it. L’Istituto storico della Resistenza Bactefort apuana, costituito nel1983, ha come obiettivi la raccolta e la classificazione del patrimonio documentario, bibliografico e fotografico del movimento di liberazione, dalle sue origini antifasciste alla rinascita democratica, la … Il programma della convention era previsto per la celebrazione dei vent’anni della costituzione di C.L.N. Scopri le ultime novità su Istituto Storico Della Resistenza In Toscana. Fu riconosciuto partigiano chi fosse caduto, rimasto ferito, mutilato o invalido o fosse stato inquadrato in una formazione partigiana o detenuto in carcere per più di tre mesi o avesse operato in una struttura o servizio di … Tutte le News su Istituto Storico Della Resistenza In Toscana, aggiornamenti e ultime notizie. La documentazione utile per scrivere il libro La liberazione di Firenze è stata messa a disposizione dall’Istituto Storico della Resistenza in Toscana grazie alla collaborazione di Giovanni Verni che ha valutato e coordinato il materiale utilizzato. Istituto Storico della Resistenza in Toscana via G. Carducci 5/37, 50121 Firenze casella postale 1301 - Uff. Ha un’intensa attività di ricerca e insegnamento nella storia, per insegnanti e studenti di ogni ordine e classe, collaborando con università toscane e altri istituti culturali, soprattutto l’Istituto storico di resistenza e età contemporanea presente in Toscana e in generale quelli associati a loro alla rete Insmli. Negli anni successivi, l’integrazione della biblioteca con gli acquisti sul mercato attuale e antico e le donazioni (es. L' Istituto Storico della Resistenza in Toscana si costituì il 24 ottobre 1953 su impulso di esponenti dei cinque partiti già facenti parte del Comitato toscano di liberazione nazionale quali Carlo Campolmi, Dino Del Poggetto, Enzo Enriques Agnoletti, Mario Fabiani, Mario Leone, Foscolo Lombardi, Attilio Mariotti, Achille Mazzi, Guido Mazzoni, Giulio Montelatici, Nello Niccoli. Il che vuol dire occuparsi delle persone che hanno fatto la Resistenza in Toscana, non necessariamente toscane, e dei toscani che hanno fatto la Resistenza, non necessariamente in Toscana. Una valutazione delle dimensioni e dell’importanza dell’archivio ISRT può essere effettuata sulla base della Guida all’archiviazione, che fa parte della Guida agli archivi della Resistenza pubblicata nella “Rivista degli archivi di stato”, nuova serie, in. della Toscana nei loro rapporti col Governo militare Alleato e col Governo dell'Italia liberata. Banca dati costruita sui registri di riconoscimento delle qualifiche di partigiano e patriota, conservati presso l’Istituto Storico della Resistenza in Toscana, e integrata con altre informazioni. Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea Onlus | Via De' Barberi, 61 | 58100 Grosseto | tel/fax +39 0564 415219 Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Come certamente saprete, la rete degli Istituti della Resistenza in Toscana rimane attiva in virtù di quanto previsto dalla legge regionale 2002 n° 38, finanziata ogni anno, relativa alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell’antifascismo e della resistenza, alla promozione di una cultura di libertà, democrazia, pace e collaborazione tra i popoli. email: isreclucca@gmail.com. Firenze e Piombino Da una stima iniziale, è stato rilevato che la maggior parte dei documenti potrebbe essere salvata, mentre i 1.000 volumi allagati potrebbero essere parzialmente ripristinati e parzialmente sostituiti dall’acquisto di nuovi libri. Per la copertina del volume, l’Istituto Storico della Resistenza in Toscana ha concesso la foto storica di Firenze. Il 31 gennaio 1965 il segretario Foscolo Lombardi, insieme a Giorgio Spini, Giulio Montelatici, Nello Traquandi, Alfredo Merlini, Giuseppe Pratesi, ricorda ad Attilio Mariotti, La storia della resistenza in Toscana: Il lavoro di liberazione dal fango è iniziato dal 5 novembre 1966 e ha visto la partecipazione di studenti dell’Università di Siena, Syracuse University e Smith College, tra gli altri, sotto la direzione dello staff dell’Istituto. Infatti, Giovanni Verni non ha valutato e coordinato un buon affare, ma si è limitato a incoraggiare la ricerca dell’autore del libro, Giovanni Frullini, indicando, come era solito fare con tutti quelli che gli si rivolgevano, pubblicazioni e documenti nel Istituto in materia di ricerca. Il nostro obiettivo è essenzialmente uno: porgere a un pubblico il più vasto possibile grandi quantità di materiale sul binomio Resistenza - Toscana. ARTICOLO 2 Istituto per la Storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Modena Viale Ciro Menotti 137. Il 23 e 24 maggio 1969, presso la Sala delle Quattro Stagioni del Palazzo Medici Riccardi di Firenze, si tenne un convegno sull’argomento: la Toscana nel regime fascista (1922-1939). L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana (L’Istituto storico della Resistenza in Toscana) è associato all’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI). L’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea nella Provincia di Livorno (ISTORECO) è stato costituito il 30 settembre 2008 ed è ordinato come associazione senza scopo di lucro. Developed for rete toscana degli Istituti per la Storia della Resistenza e dell'età contemporanea and Regione Toscana in collaboration with Istituto Storico della Resistenza in Toscana. Si propone, come recita il suo Statuto, di favorire il reperimento e la salvaguardia delle fonti… Il terzo nucleo è quello depositato nel 2007 dalla nipote Silvia Calamandrei presso la fondazione Centro d'iniziativa giuridica Piero Calamandrei di Roma, che conserva documenti di natura strettamente giuridica. L’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea è una Onlus ed è associato all’Istituto nazionale per la Storia del movimento di Liberazione in Italia. COLLABORAZIONE CON L' ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA TOSCANA Scritto da Guzzardi Lucia. Firenze, Italia Progetto regionale "Costituzione: la nostra carta d'identità 1948-20182 Comunicazione Protezione civile Unione dei Comuni Val di Bisenzio lug 2018 - Presente 2 anni 6 mesi. I volumi erano tutti catalogati dal consigliere Dino Del Poggetto, grazie al quale la biblioteca aveva un registro di accesso e un file; anche gli opuscoli sono stati registrati e catalogati. L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana (L’Istituto storico della Resistenza in Toscana) è associato all’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI). L’accesso alla biblioteca e agli archivi è stato stabilito da un regolamento redatto da Foscolo Lombardi e approvato dal Consiglio con emendamenti. di Asciano e di Castelfiorentino; sono stati donati dagli eredi di Aldemiro Campodonico i documenti relativi al processo penale di Campodonico-Favi per le polemiche di proprietà del New Journal; Inoltre, il Ministero della Pubblica Istruzione – Direzione Generale Accademie e Biblioteche ha donato circa settanta volumi sulla storia del fascismo, Borse di studio: Hanno contributi pubblici e privati, principalmente su progetti specifici. Si tiene, il giorno 24 novembre, il convegno di studi Il 1917 in Toscana.Protteste e conflltti sociali, promosso dalla rete toscana degli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea (Aula Magna Dipartimento Sagas, via San Gallo 10, Firenze).. Il programma. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha assegnato all’Istituto una borsa di studio di £ 1 milione per lo sviluppo di un programma per l’identificazione e il recupero di fonti documentarie e materiale d’archivio sulla Resistenza nelle varie province della Toscana, Assemblee tenute nel 1964-1965: Gli atti ufficiali di questa convenzione sono stati stampati sul volume pubblicato da Leo S. Olschki su iniziativa dell’Associazione Regionale delle Province Toscane (URPT), dell’Amministrazione Provinciale di Firenze e dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana. ToscanaNovecento Portale di Storia Contemporanea. A partire dal 1965, con il consenso del Ministero della Pubblica Istruzione e del Provveditorato locale agli Studi, l’Istituto ha bandito un concorso per assegnare un premio annuale al tema migliore tra gli alunni delle scuole superiori. La biblioteca, specializzata nel periodo fascista e nella seconda guerra mondiale, incluse opere inedite presentava circa 1.000 volumi allagati, circa 5.000 volumi. LA�a��Istituto Storico della Resistenza in Toscana (ISRT), secondo quanto prevede il suo Statuto, promuove lo studio della��antifascismo e della Resistenza e piA? La sua posizione attuale è in Via Giosuè Carducci 5 a Firenze, dove è dal 17 novembre 2008. Bonelli della Fondazione Einaudi di Torino, Antonio Bernieri, Roberto Cantagalli, Lando Bortolotti, Franca Pieroni Bortolotti, Marino Raicich, Antonio Pellicani e Franco Catalano. Inoltre, per la loro portata e importanza, il Fondo per il Comitato di Liberazione Nazionale Toscano (CTLN), il Fondo per i Comitati di Liberazione Nazionale (CLN) dei Comuni della Provincia di Firenze, il Fondo del Comitato Provinciale per la Liberazione Nazionale (CPLN) Apuania, il Fondo per Giustizia e libertà, Fondo Gaetano Salvemini, Associazione Nazionale Partigiani Italiani (ANPI) a Firenze e Fondo Regione Toscana. Il campo di azione che ci siamo preposti è vastissimo e spazia su tutti gli interessi delle varie associazioni che compongono la Federazione. 055 284296 email: isrt@istoresistenzatoscana.it Enzo Enriques Agnoletti è stato il relatore, con l’introduzione di Carlo Ludovico Ragghianti. Il tutto a pochi giorni dal 25 aprile e a poche settimane dal 2 giugno quando, oltre alla Festa della Repubblica, l’Isgrec festeggerà i suoi 27 anni. Con le sue centinaia di migliaia di filmati e fotografie rappresenta la memoria visiva dell'Italia. ampiamente la conoscenza della Bactefort storia contemporanea italiana. Il materiale è organizzato in sezioni, oltre alla sezione "Informazioni" —che spiega in varie pagine cos'è la Federazione, qual'è la nostra filosofia e come partecipare al nostro lavoro— ci sono: A tanti anni di distanza la pietra inizia a sfaldarsi, il paesaggio cambia e le poche parole scritte sul marmo non sono più sufficienti a mantenere il legame fra memoria e territorio. Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza, iscrivetevi alla lista di posta elettronica, La strage incompiuta di Palazzaccio d'Arceno, Italia, Germania, Groenlandia, Lituania, Bosnia-Erzegovina. Ha aggiunto che se la conferenza non fosse arrivata a risultati immediati, l’impostazione dello studio, i suggerimenti di ricerca formulati in […] due giorni di lavoro sarebbero importanti in nome di un rigoroso e oggettivo criterio scientifico. Interviste di Gabbuggiani e Niccoli: 4 novembre 1966: promuove eventi culturali e compila ed eventualmente pubblica un bollettino periodico di studi e monografie. In questo Istituto, il 29 settembre 1963, si tenne, nella sala di Luca Giordano, in palazzo Medici Riccardi, il primo convegno di Storia della Resistenza in Toscana, dal titolo I C.L.N. Le nostre pubblicazioni. Altri danni subiti dagli archivi, dai mobili, dalle pubblicazioni dell’Istituto. di scienze storiche e beni culturali Simone Neri Serneri – Direttore dell'Istituto storico per la resistenza in Toscana Tommaso Codignola - Responsabile Edizioni di storia e letteratura. orario: Lunedì e Mercoledì dalle 10.00 alle 16.00; Giovedì dalle 10.00 alle 12.30. Prima sessione, ore 9.30 – 12.30 Presiede Giovanna Procacci, Università di Modena e Reggio Emilia ResistenzaToscana ha iniziato la sua attività il 24 aprile 2003. Coordina: © Istituto storico toscano della Resistenza e dell’età contemporanea Via Carducci, 5/37 – 50121 Firenze Tel. L'Istituto storico della Resistenza in Toscana è associato all'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI). II (2006), n. 1-2, L’Istituto ha ricevuto altre donazioni: l’ultimo autografo di Piero Calamandrei, intitolato La nostra Repubblica, dalla signora Ada Calamandrei; documenti relativi a C.L.N. “Norme in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell’antifascismo e della resistenza e di promozione di una cultura di libertà, democrazia, pace e collaborazione tra i popoli” Luoghi e le date della Liberazione in Toscana L'archivio … Più saremo obiettivi, più saremo fedeli non solo ai nostri doveri degli storici, ma anche ai democratici e agli antifascisti. Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea L’Istituto si occupa della storia contemporanea, in particolare del ventesimo secolo italiano ed europeo, del fascismo e dell’antifascismo e della resistenza in Italia e in Toscana. Relatori: Valdo Spini – Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli Tommaso Detti - Storico Università degli studi di Siena. La Toscana nel regime fascista (1922-1939): A Niccolò, in quell’anno, presidente dell’Istituto della Resistenza in Toscana, nel suo discorso di apertura, spiegò che la conferenza aveva lo scopo di studiare con quali metodi il fascismo era stato stabilito nella regione; quali strutture ha usato per la politica economica, sociale e culturale; quali forze erano associate al regime per il profitto e chi, al contrario, aveva sofferto per l’oppressione politica e lo sfruttamento economico della dittatura fascista. Il secondo è quello conservato presso l'Istituto Storico della Resistenza in Toscana di Firenze, che viene qui descritto. Una lista di biografie di patrioti e partigiani spesso corredate di fotografie e documenti, con collegamenti ai monumenti in cui i protagonisti sono ricordati. 32 relazioni. Fondo librerie John Francovich, fondo librario Ferdinando Schiavetti) continuò ad essere integrata, ottenendo decine di migliaia di titoli. Testi, musica, video e immagini della Resistenza. Il Premio Luigi Boniforti è stato anche istituito per la migliore tesi di laurea in Resistenza che è stata discussa in una delle Università della Toscana. Il presidente della Provincia di Firenze, che all’epoca era Elio Gabbuggiani, disse che il convegno aveva lo scopo di dare un contributo alla storia delle strutture economiche, politiche e sociali dell’Italia fascista, nel periodo storico tra il 1922 e il 1939. promosso dalla rete toscana degli Istituti per la Storia della Resistenza e dell'età contemporanea. postale FI 7 - 50121 Firenze telefono 055 284296, fax 055 2382772, email isrt@istoresistenzatoscana.it. ResistenzaToscana è il sito ufficiale della Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza di cui fanno parte fra le altre ANPI, ANED e FIAP.. ResistenzaToscana ha iniziato la sua attività il 24 aprile 2003. In questo Istituto, il 29 settembre 1963, nella sala di Luca Giordano, nel Palazzo Medici Riccardi, la prima conferenza di Storia della Resistenza in Toscana, I C.L.N. ResistenzaToscana è il sito ufficiale della Federazione Regionale Toscana delle Associazioni Antifasciste e della Resistenza di cui fanno parte fra le altre ANPI, ANED e FIAP. Niccoli ha detto: dobbiamo indagare se ci sono stati aspetti positivi del fascismo nella nostra regione. Il responsabile del sito è Giovanni Baldini. Numerose relazioni e interventi di storici italiani e stranieri, tra cui Alberto Predieri, Mario Rossi, Giorgio Luti, Emilio Sereni, Stuart Woolf, Università di Reading nel Regno Unito, Max Gallo, Wilhelm Alff di Marburg, Leopoldo Sandri, Direttore generale dello Stato centrale Archivi, dott. Home; ... l’Istituto storico toscano della Resistenza e... leggi ancora. Il Comitato di gestione della Biblioteca di storia della Toscana moderna e contemporanea ha affidato gli aspetti organizzativi e le caratteristiche della Conferenza a un comitato composto dai professori Giorgio Spini, Ernesto Ragionieri, Giorgio Mori e Carlo Francovich. Istituto storico della resistenza in Toscana, Firenze, Italia. In precedenza aveva una sede in Via Cavour, nel Palazzo Medici Riccardi, dove conserva ancora lo spazio espositivo più prezioso e per qualche tempo in via dei Pucci, a Palazzo Pucci, dove sono custoditi gli archivi documentari e fotografici, con il registratore e la videoteca. Negli ultimi due decenni del ventesimo secolo, l’Istituto ha fornito all’Archivio di Stato Centrale un’ampia documentazione sul fascismo e antifascismo toscano e numerosi microfilm della documentazione prodotta dai dipartimenti della Wehrmacht, acquistati dagli Archivi nazionali di Washington, operato in Toscana. della Toscana nei loro rapporti con il governo militare alleato e con il governo dell’Italia liberata. Sia la biblioteca che l’archivio hanno ricevuto numerose donazioni da membri dell’Istituto, costituiti da libri, documenti, materiale fotografico, giornali, stampe clandestine e manifesti, resoconti di formazioni partigiane, documenti che facevano parte della commissione di deposito, documenti estratti da Mario Processo Carità, relativo al suo arresto e alle successive deportazioni, memorandum. Oltre alla suddetta conferenza, l’Istituto ha organizzato, nell’autunno del 1963, il Congresso su “Resistenza e alleati in Toscana” e, successivamente, “Toscana nella seconda guerra mondiale”. La biblioteca includeva quindi 1727 volumi e opuscoli. 80012560464 L’Istituto si occupa della storia contemporanea, in particolare del ventesimo secolo italiano ed europeo, del fascismo e dell’antifascismo e della resistenza in Italia e in Toscana. Risale ad un gruppo di antifascisti fiorentini, composto da Carlo Campolmi, Dino Del Poggetto, Enzo Enriques Agnoletti, Mario Fabiani, Mario Leone, Foscolo Lombardi, Attilio Mariotti, Achille Mazzi, Guido Mazzoni, Giulio Montelatici e Nello Niccoli. Webinar on line 24 aprile ore 15, a cura di Matteo Mazzoni, direttore dell' Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell'Età contemporanea con la partecipazione del Presidente del Consiglio regionale della Toscana e del Sindaco di Sant'Anna di Stazzema. Istituto storico della resistenza in Toscana ott 2018 - Presente 2 anni 3 mesi. Web portal documenting the story of Tuscany across twentieth century. Nel 1962, il Consiglio dell’Istituto acquisì molti volumi storici, che andarono dalla Prima guerra mondiale alla Liberazione e alla ricostruzione. Una lunga lista di indirizzi di associazioni, istituti e siti internet a tema. fondato il 24 ottobre 1953. raccoglie e ordina tutti i documenti e cimeli che riguardano la storia della Resistenza in Toscana e le pubblicazioni pubblicate ovunque, dagli inizi del Fascismo fino alla fine della liberazione italiana; Sarà un 25 aprile social anche per l’Istituto storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea che con un video, appositamente realizzato, si inserisce nella community Facebook Raccontiamo la Resistenza, promossa dall’Istituto Nazionale Ferruccio Parri in occasione del 75° anniversario della Liberazione. Durante l’alluvione del 1966 a Firenze, l’Istituto, la cui sede era situata al piano terra di Palazzo Medici Riccardi, fu investito e ricoperto di acqua e fango e molti documenti furono allagati, tra cui carte Calamandrei, carte Foscolo Lombardi. Piazza Napoleone, 32/12 - 55100 Lucca tel 0583 55540. raccoglie testimonianze dei partecipanti alla lotta, promuove indagini con enti pubblici e privati, verifica dati statistici sulla vita militare, politica, economica e sociale di quel periodo; La liberazione di Firenze: L’Istituto Storico della Resistenza di Grosseto con la sua biblioteca da 20mila volumi rischia di chiudere. Questo premio è stato intitolato alla memoria di Adina Tenca, consorte di Enzo Enriques Agnoletti, che ha dato all’Istituto una somma, i cui frutti, guadagnati ogni anno, sono serviti alla creazione del premio. 41121 Modena 059 219442 059 242377 059 214899 segreteria@istitutostorico.com PEC: istitutostoricomodena@pec.it CF: 80010530360 L'Istituto Storico della Resistenza in Toscana è Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS), ha sede in Firenze, via Cavour n. l ed è associato all'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia. Il nostro obiettivo è essenzialmente uno: porgere a un pubblico il più vasto possibile grandi quantità di materiale sul binomio Resistenza - Toscana. Per questo è necessario farne un censimento. Ha una ricchezza di risorse archivistiche e bibliotecarie, tra cui una ricca collezione di periodici, fotografie e testimonianze scritte e orali (audio e video). Inserito in CRESCERE CON I LIBRI Si è svolto un incontro con il prof. Paolo Mencarelli dell'istituto storico della resistenza in Toscana, che ha presentato un video dal titolo" Firenze 1944" che documenta i momenti della liberazione di Firenze. In un momento storico in cui rigurgiti nazionalisti e mura di confine tornano tristemente d’attualità nelle democrazie occidentali, l’Istituto Storico della Resistenza in Toscana offre una serie di iniziative di riflessione sullo scontro fra fascismo e antifascismo nel contesto dell’Europa degli anni Trenta. Infatti, il materiale documentario allagato potrebbe essere salvato nella misura del 95/98% in virtù dell’aiuto ricevuto dall’Amministrazione Provinciale di Pistoia e dagli altri Istituti di Resistenza in Italia, in particolare quello di Torino. Dip. L’Istituto conserva, tra l’altro, i fondi dei partecipanti alla Guerra di Liberazione, tra cui il Fondo Nello Niccoli, contenente carteggi, memorabilia, documenti di Aldobrando Medici Tornaquinci, contenenti documenti relativi alla sua attività politica, donati a tutti gli Istituti di eredi; l’archivio di Foscolo Lombardi.

Problemi Connessione Server Google, Minigonne Fiat Stilo 5 Porte, Il Grande Gatsby Raiplay, Municipi Roma Elenco, Dog Man In Gattabuia, Mistero A Crooked House Libro, Mamma Giulia De Lellis Instagram, Ezechiele 24 Spiegazione, Case In Vendita Villar Perosa Chisone Immobiliare, Hugo Toy Boy, Linkiesta Orientamento Politico, Gatto Persiano Nero Prezzo,

Share this Post